Poesia di Francesco Luca Santo

03.06.2014 03:55

Ci perdevamo nelle ore
un tempo che si allungava
nei baci e negli occhi umidi
di un viso arrossito
Non chiedevi nulla ed io
ero dentro i tuoi occhi e mi
facevo pupilla che guardava
gli alberi dalla tua anima
Com’eri unica con i capelli
lunghi sulle mie dita che
temevano di stringerli 
e sorridevi quando sui
nostri capi si fermavano
le foglie ubriache d’ottobre
Non capivamo che quello
era troppo grande più
grande di un respiro che
ci riempiva i polmoni di buono
e mi facevi vivere ogni giorno
come una vita intera nelle mie
efelidi punte dal sole