Oltre la soglia di Livio Gec

27.04.2014 00:42

Oltre la soglia
dell'aperta finestra
con fievoli passi
appoggiati sul mare
i pseudopodi dell'anima
s'avvicinan solerti
alle lingue di terra,
ormeggio sfuggente
del lontano orizzonte.

Nell'intimità solinga
spogliata del tempo,
di spalle la strada 
riprende vigore,
risale il suo corso
riprendendo di forza
il presente svanito,
l'orizzonte rientrando
nelle pieghe del tempo.