Io vulesse truvà na pace senza Invalsi Francesco Langella 2010 di Gianni Pisani

15.05.2014 17:08

Io vulesse truvà pace
ma na pace senza Invalsi.
Senza tanti «veri o falsi»
ca te stanno a turmentà!

Comme fosse na schedina,
na schedina ’e ll’Enalotto,
ca t’ ’a suonne pure ’a notte
e nun tiene che ce fa!

Senza leggere ’a dumanda
fatta apposta cu ll’inganno;
tutte quante buono ’o ssanno
ca è difficile azzeccà.

Senza mettere ’e ccrucette
comme fosse ’o cimitero,
senza dire è falso o è vero
c’ ’a paura ’e te sbaglià.

Senza sentere ’o cunziglio
ca te dà chill’ cchiù esperto,
mentre tu sei ancora incerto
su che lettera ’e ’a sbarrà.

Senza sentere l’alunno,
l’ignorante o il più evoluto,
che ti chiede un po’ d’aiuto
e tu sai ca nun l’ ’e ’a dà.

Senza mettere ’o punteggio…
si, no, mancante, errata…
Comme è longa sta jurnata!
E che strazio… mamma-mà!

Pecché, insomma, si vuò pace
e nun curreggere cchiù niente,
’e ’a sperà ca sulamente
chest’ Invalsi hanna luvà?

Io vulesse truvà pace
ma na pace senza Invalsi.
Senza tanti «veri o falsi»
ca te stanno a turmentà!

Comme fosse na schedina,
na schedina ’e ll’Enalotto,
ca t’ ’a suonne pure ’a notte
e nun tiene che ce fa!